Consigli per addormentare un neonato

come addormentare un neonato

I bambini non sono tutti uguali, ci sono infatti, alcuni neonati che riescono ad addormentarsi velocemente e senza problemi, e altri che invece, hanno delle difficoltà maggiori. Anche se non esiste un metodo preciso o un protocollo specifico da rispettare, è preferibile seguire alcuni consigli utili per facilitare il sonno al neonato. Quindi insieme ai ragazzi di laprimainfanzia.it abbiamo riportato i consigli principali in questo articolo.

In generale, si consiglia sempre di calmare il bambino con diversi sistemi, prima di provare a farlo addormentare, e le modalità vanno sempre cambiate, così non c’è il rischio che il neonato possa abituarsi.

In realtà, la difficoltà che hanno alcuni neonati è assolutamente comprensibile, visto che, devono adattarsi ad una condizione differente da quella che per mesi avevano all’interno dell’utero materno.

Quindi, una delle cause che provoca agitazione al neonato, può essere relativa all’ambiente che lo circonda, è necessario infatti, ricreare un ambiente tranquillo, silenzioso e buio, dove il piccolo può rilassarsi e riuscire ad addormentarsi facilmente.

Suggerimenti su come calmare un neonato prima di farlo addormentare

Come abbiamo detto, il neonato prima di addormentarsi deve essere tranquillo e sereno, esistono quindi diversi sistemi che riescono a calmarlo. Prima di tutto, è preferibile fasciare il piccolo, questo lo aiuterà a superare il passaggio dall’ambiente raccolto e protetto dell’utero, a quello esterno, che può dargli un senso di distacco.

Per favorire il sonno del neonato è molto importante anche la posizione in cui lo si mette nella culla, si sconsiglia quella a pancia sotto, mentre è preferibile farlo addormentare sul fianco o a pancia in su.

Un altro suggerimento per calmare il neonato è quello di cullarlo e dondolarlo mentre si addormenta, un movimento lento e costante favorisce il sonno e lo aiuta a rilassarsi.

Per alcuni neonati funziona anche il sistema di fargli ascoltare la musica, in realtà, anche quando il piccolo si trova nell’utero materno si consiglia di mettere spesso la musica, in questo modo la mamma si rilassa e di conseguenza si tranquillizza anche il bimbo. Infine, in alcuni casi si consiglia di utilizzare un ciuccio, che aiuta a calmare il neonato e a stimolare pian, piano il suo sonno.

Allattare il neonato prima di dormire: come farlo addormentare senza seno?

Molto spesso, soprattutto nei primi mesi di vita, può capitare di interpretare male alcuni pianti del neonato e quindi, di non riuscire a trovare il modo giusto per calmarlo. Quasi sempre, la soluzione più frequente è quella di attaccare subito il bimbo al seno. L’abitudine di allattare il neonato prima di dormire, può diventare un problema, e può risultare difficile farlo addormentare senza il seno.

Per favorire il sonno al piccolo senza ricorrere all’allattamento, ci vuole molta pazienza e soprattutto molto tempo. Anche in questo caso, non esistono metodi ben precisi, ma si consiglia di allontanarlo delicatamente dal seno non appena ci si accorge che sta per addormentarsi, magari accompagnandolo dolcemente nella culla, sussurrandogli una nenia. Una volta adagiato il neonato nella culla, si consiglia infine, di mettere un cuscino o una copertina voluminosa che gli faccia sentire un contatto, in questo modo, il piccolo non si sentirà spaesato, ma si tranquillizzerà avvertendo un senso di protezione e calore.

Come regolarizzare i pisolini del neonato

Molto spesso, risulta difficile far addormentare il neonato durante il giorno e regolarizzare i suoi pisolini, quindi è importante seguire alcuni consigli utili. La prima cosa da fare è abituare il piccolo a distinguere il giorno dalla notte, magari facendolo dormire durante il giorno in un ambiente della casa appartato ma non completamente isolato, in questo modo, potranno comunque arrivargli suoni, rumori e luci, differentemente dalla notte. È necessario inoltre, stabilire fin da subito una routine scandendo i vari pisolini con ritmi di poche ore sparpagliate durante la giornata.